Il tutto per un oleodotto: Un membro della famiglia Kennedy rivela la vera causa della guerra in Siria

Sharing is caring!

di L.M.P.I

La guerra contro Bashar al Assad non è iniziata con le proteste civili della primavera araba nel 2011, ma a seguito di progetti per un oleodotto del Qatar.

La decisione degli Stati Uniti di organizzare una campagna per rovesciare il presidente siriano Bashar al Assad, in gran parte si è basata sul rifiuto del presidente per permettere il passaggio attraverso il suo paese, di un gasdotto dal Qatar verso l’Europa, dice Robert Attorney Kennedy Junior, nipote del presidente degli Stati Uniti John F.

“La nostra guerra contro Bashar al Assad non è iniziata con pacifiche proteste civili della primavera araba nel 2011”, ma nel 2000, “quando il Qatar si è offerto per la costruzione di un oleodotto del valore di 10.000 milioni di dollari che attraversa l’Arabia Saudita, Giordania, Siria e Turchia “dice Kennedy.

Questa infrastruttura avrebbe garantito ai regni sunniti del Golfo Persico un vantaggio decisivo nei mercati del gas a livello mondiale, rafforzando il Qatar, che è il più stretto alleato degli Stati Uniti nella regione, come evidenziato dall’autore, il quale sottolinea ci sono due grandi basi militari degli Stati Uniti e la sede del comando centrale degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Questo editorialista suggerisce che, per difendere gli interessi della Russia, il presidente siriano ha rifiutato di firmare tale accordo e scelto un altro gasdotto, che si era diffuso dall’Iran al Libano e aveva portato gli iraniani tra i più grandi fornitori di gas verso l’Europa, contro gli interessi della maggioranza arabi sunniti.

Subito dopo l’esito negativo in Siria del progetto iniziale, le agenzie di intelligence degli Stati Uniti, Qatar, Arabia Saudita e Israele hanno cominciato a finanziare l’opposizione siriana e a preparare una rivolta per rovesciare il regime di Assad, secondo i dati di vari rapporti segreti ai quali ha avuto accesso Kennedy, il quale spiega che la CIA ha trasferito sei milioni di dollari per l’emittente britannica Barada per elaborare delle relazioni a favore del rovesciamento del presidente siriano.

Tuttavia, junior Robert Kennedy ha sottolineato che Washington ha ignorato che il governo della Siria era molto più moderato rispetto alle monarchie sunnite, perché il paese era ed è laico e ha un’élite pluralista. In aggiunta, Assad è per la liberalizzazione della Siria e, tra le altre cose, ha contribuito a fornire alla CIA tutte le informazioni dopo gli attacchi dell’11 settembre a New York.

L’autore ricorda che l’intelligence degli Stati Uniti ha utilizzato jihadisti per tutelare gli interessi dei combustibili fossili e rovesciare i regimi in Medio Oriente a partire dalla metà del XX secolo, in quanto riteneva che le forze religiose radicali erano un contrappeso affidabile contro l’influenza dell’Unione Sovietica nella zona.

Già nel 1957, Stati Uniti d’America hanno cercato invano di portare una rivoluzione in Siria e rovesciare il governo laico e democraticamente eletto. Tuttavia non si è fermata lì, ma l’aspetto di un “gruppo criminale per il petrolio” o “Stato islamico” per intenderci, è il risultato di una lunga storia di interventi degli Stati Uniti nella regione.

La mia parte intollerante

Sharing is caring!

Precedente “VOGLIONO RUBARE L’ORO AGLI ITALIANI” – Il giornalista svela la truffa in diretta tv Successivo Quando la Tv fa trapelare la verità del popolo Siriano