Striscia la Notizia è figlia della Massoneria?

Sharing is caring!

Non è una novità il fatto che programmi Tv e Massoneria siano legati, infatti la massoneria utilizza la Tv (ma non solo) per lanciare i propri messaggi e per manipolare le masse da sempre. Alcune volte questo rapporto non viene per niente “nascosto” alle masse ma anzi avviene sotto gli occhi di tutti senza che gli stessi se ne accorgono. Un degli esempi è la sigla di chiusura del programma televisivo Striscia la notizia, ideata da Antonio Ricci, per l’anno 2008-2009, intitolata Per chi suona la campanella?, e cantata dal Gabibbo e dalle veline, sarebbe una sorta di inno velato – ma non troppo – alla Massoneria!

Per cogliere i vari riferimenti al mondo massonico non occorre essere dei grandi esperti della Massoneria, basta una conoscenza di base del simbolismo da essa utilizzato.

Qui il video in questione che mostra dopo una breve introduzione la sigla massonica di striscia:

Qui il campione di Brumotti, che ultimamente crede di sconfiggere il narcotraffico rincorrendo gli spacciatori nei parchi. (I riferimenti massonici non mancano)

Nei tanti servizi tra una cavolata e un “truffatore” o il cattivo cittadino che non ha “l’assicurazione” non si fa altro che mettere in atto una strategia di manipolazione per abituare le masse alle volontà massoniche che in breve si riassumono con “nuovo ordine mondiale”. Per esempio, proprio Striscia la Notizia, mediante il suo inviato Capitan Ventosa, ha dato il suo contributo alla diffusione in Italia dell’entomofagia, intervistando un cuoco che ha preparato sul momento una ricetta a base di larve del punteruolo rosso, che in una trasmissione precedente era stato indicato come un insetto parassita di molti alberi, e quindi nocivo. Quindi se proprio dovete guardate questi programmi guardateli con la giusta “mentalità”, ovvero interrogarsi su tutto ciò che vi viene mostrato e su perché viene mostrato.

Sharing is caring!

Precedente Un grande mistero del ‘900: Gustavo Rol Successivo Trump mette il "deep State" con le spalle al muro senza che alcun media occidentale ne parli