Spionaggio level master: Obama spiava la Trump Tower 

Sharing is caring!

Obama e il suo vizietto di spiare, ci siamo passati noi tempo fa, già, che onore! Neanche la Merkel è riuscita a sfuggire ai microfoni di Obama, ed ora esce fuori anche la Trump Tower!

di La mia parte intollerante

Nei democratici Stati Uniti d’America scoppia un altro scandalo, scottanti rivelazioni sono uscite dalla nuova amministrazione: l’ex presidente Barack Obama spiava la Trump Tower durante la campagna elettorale.

L’azione, è stata confermata dal presidente Trump che ovviamente ha l’accesso a tutti i dati di intelligence, tra le altre cose è uscito fuori che la CNN ha truccato i dibattiti presidenziali a favore di Clinton, Hillary Clinton ha avuto modo di ricevere le domande dei dibattiti in anticipo.

Non si tratta di singoli personaggi come Obama o la Clinton, dietro a tutti questi scandali esiste un vero e proprio “governo ombra” che sfrutta i suoi incaricati per intraprendere una campagna di sabotaggio contro il presidente in seduta.

Le intercettazioni della Trump Tower da parte di un presidente in carica è un chiaro abuso di potere nel tentativo di sabotare la campagna elettorale di Trump e garantire una vittoria alla Clinton per favorire la continuità delle proprie politiche.

 

Trump dopo questa scoperta ha twittato:

Quanto in basso è caduto il presidente Obama andando a spiare i miei telefoni durante il processo elettorale. 

 

Riportiamo le parole rilasciate dal conduttore radiofonico Mark Levin:

C’è uno scandalo molto più grande qui: Abbiamo una precedente somministrazione, Barack Obama e i suoi surrogati, che sostengono Hillary Clinton e il suo partito, il Pd, stavano usando le attività di intelligence per sorvegliare i membri della campagna Trump, e rendere queste informazioni pubbliche. Queste sono tattiche da stato di polizia. 

Dopo tutte queste pentole scoperte si vocifera che arriveranno i primi arresti per tradimento per molti della vecchia amministrazione. Giocano a farsi la guerra?  O veramente sta cambiando qualcosa negli Usa? Staremo a vedere.

Sharing is caring!

I commenti sono chiusi.