Si riscrive la storia in Sicilia: scoperta di un vino di 6000 anni fa

Sharing is caring!

Il vino, si sa, più invecchia e più è buono, ma in pochi avrebbero il coraggio di bere un alcolico di 6 mila anni fa. In Sicilia, però, il ritrovamento di tracce di vino di età preistorica all’interno di una grotta sul Monte San Calogero (o Kronio) ha fatto fare i salti di gioia agli archeologi che lo hanno riportato alla luce e non per una eventuale futura messa in commercio di quella particolare qualità di vino, bensì perché la scoperta potrebbe riscrivere la storia della Sicilia e della sua cultura antica.

Il team di archeologi che da anni scava all’interno delle cavità del Monte Kronio – in provincia di Agrigento – è guidato da Davide Tanasi dell’Università della South Florida, il quale ha voluto dare conto della ricerca sulla rivista The Conversationin un articolo dal titolo significativo: Vino preistorico scoperto in caverne inaccessibili costringono a ripensare alla cultura dell’antica Sicilia.

Nonostante in quella zona della Trinacria l’umidità arrivi spesso al 100% e le temperature fino a 37 gradi, le grotte erano abitate già nel 6000 avanti Cristo, all’epoca dell’Età del rame, e per questo sono piene di vasi e recipienti lasciati lì dagli uomini primitivi. Ma a far interrogare gli studiosi è stato il liquido contenuto in queste giare e brocche, ai quali si è arrivati analizzando i campioni a disposizione grazie alle moderne tecnologie; si tratta di vino e il ritrovamento ha lasciato di stucco gli scienziati.

I campioni dell’alcolico prelevati in provincia di Agrigento, infatti, dicono una cosa chiara: il vino più antico mai conosciuto fino ad ora in Europa e in tutta l’area Mediterranea è quello siciliani, quindi l’Italia diventa la prima regione in cui si sia mai stato coltivato il vino in tutto l’Occidente. Precedentemente a questa scoperta, i ricercatori erano convinti che la bevanda alcolica provenisse dal sud dell’Anatolia e dalla regione transcaucasica, però adesso risulta evidente che non è così.

La scoperta potrebbe portare alla riscrittura dei libri di scuola sulle coltivazioni dell’era preistorica, in quanto gli archeologi non ritenevano possibile che i siculi dell’epoca avessero a disposizione tecniche adeguate per l’irrigazione delle viti, oltre al fatto che andrebbe ripensato l’intero sistema di commercio e scambio di beni dell’età del rame – evidentemente molto più avanzato di quanto si pensasse sinora. Ad esempio, com’è possibile che in Sicilia – terra povera di metalli grezzi – ci fossero così tanti manufatti in metallo già nel 6000 a.C.? Ovviamente sono stati trasportati in Trinacria acquistandoli dalle zone che li fabbricavano (specialmente il Peloponneso) e sarebbero quindi stati ceduti in cambio, appunto, di vino.

Infine, la presenza della sostanza alcolica nelle cavità del Monte Kronio sembrerebbe confermare l’ipotesi che l’altura fosse una sorta di santuario preistorico, in cui si praticavano vaticini o atti di purificazione; anche nei poemi di Omero, del resto, il vino viene considerato alla stregua di una sostanza magica in grado di alterare la mente degli umani.

Insomma, questa scoperta non solo ha reso l’Italia come la più antica regione di produzione del vino, ma ha anche fatto capire che i siculi di 6000 anni fa vivevano ben diversamente da quanto si pensasse prima d’ora. E ora di aggiornare i libri di testo.

Fonte huffingtonpost

Sharing is caring!

Precedente Silenzio dai media sui vaccini-killer, sospettati (con l’uranio) della “strage” di militari italiani: 4.000 malati, 340 morti Successivo Ci svendono alla Francia, perché ci salvi da Berlino: illusi