Sesso con bambini in cambio di cibo: nessun processo ai soldati francesi in missione in Africa

Sharing is caring!

I magistrati hanno respinto la causa perchè contro di loro ci sono solo le testimonianze dei minori

Nessun processo perché “le uniche testimonianze che si hanno sono i racconti dei bambini, senza altre prove indipendenti“. È questa la motivazione data dai magistrati l’Oltralpe che hanno respinto una causa contro almeno 13 soldati francesi in missione di pace nella Repubblica Centrafricana, accusati di abusi sessuali nei confronti di minori africani, “ripagati” con razioni di cibo e beni di prima necessità. Una inchiesta che ha imbarazzato la Francia, così come le Nazioni Unite – anche se, all’epoca dei fatti, gli uomini non stavano lavorando per i Caschi Blu -, come ora sta imbarazzando la decisione a non procedere. Le accuse sono gravissime: sei bambini, di età compresa tra i 9 e i 13 anni, hanno descritto gli abusi subiti dai soldati nel campo profughi dell’aeroporto internazionale di Bangui M’Poko, capitale della Repubblica Centrafricana, da dicembre 2013 al giugno 2014. Quattro hanno raccontato di essere stati fisicamente abusati mentre altri due di aver assistito agli abusi, in cambio di cibo e altri regali. La notizia, riportata da Reuters, e ancor prima dal New York Times, ricostruisce una vicenda inquietante, con tanto di commissioni d’indagine e informative passate da scrivania a scrivania, e tenute sotto il massimo riserbo. A portare alla luce il caso è stata l’associazione Aids Free World, che ha fornito al quotidiano britannico The Guardian copia di quei documenti nell’aprile del 2015. I giudici hanno completato la loro revisione delle accuse lo scorso 20 dicembre e ora hanno ufficialmente annunciato che non porteranno avanti le accuse contro i soldati francesi perché “alcune testimonianze sono state giudicate incoerenti” e “non c’è modo per confermare le accuse“, anche se “non si può escludere che gli abusi hanno avuto luogo“.

Paula Donovan di Aids Free World ha reagito con rabbia alla notizia: “Questa è una farsa – riporta il Ny Times -. Se dei soldati africani avessero abusato sessualmente di ragazzini parigini l’indagine non si sarebbe conclusa sino a quando ogni autore non fosse stato messo dietro le sbarre“. Intanto l’ong Ecpat ha detto a Reuters che non esclude la possibilità di fare appello alla decisione dei magistrati.

Tratto dalastampa.it

Sharing is caring!

Precedente La guerra sporca ai custodi della terra Successivo La Russia lancia il nuovo “Internet indipendente” libero dal N.W.O.