La terra dei fuochi… si sposta al Nord! A dirlo sono i dati secondo i quali le ecomafie si sono spostate al nord.

Sharing is caring!

di Luca Serafini da RIVISTANATURA.COM

Sciolte le Camere, in periodo di prorogatiole Commissioni d’inchiesta parlamentare non possono, secondo la prassi, proseguire l’attività d’indagine, mentre sono consentite la definizione e l’approvazione di relazioni conclusive.

Si è assistito, quindi, a un’accelerazione dei lavori per giungere alle conclusioni e, fra le varie inchieste attive, è stata approvata la relazione finale della Commissione parlamentare bicamerale d’inchiesta sulle attività connesse al ciclo dei rifiuti (giornalisticamente nota come commissione “Ecomafie”) guidata da Chiara Braga. Si tratta del primo monitoraggio svolto su scala nazionale incrociando i dati delle ARPA (Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente) e delle Procure della Repubblica: «A fronte del ripetersi di episodi di incendi in impianti di trattamento di rifiuti, di maggiore o minore gravità, talora oggetto di attenzione mediatica, talora confinati nella preoccupazione senza voce pubblica sufficiente dei cittadini minacciati dalle conseguenze sull’ambiente di questi eventi, la Commissione ha deciso di procedere a un approfondimento d’inchiesta su quello che ha assunto le dimensioni di un vero e proprio fenomeno nazionale» recita il primo capitolo della relazione.

 

Cosa dice la relazione della Commissione “Ecomafie”?

I dati più eclatanti sono quattro:

  1. dal 2014 a oggi sono stati registrati oltre 250 incendi in impianti di trattamento di rifiuti;
  2. il 47,5% degli incendi è avvenuto nelle Regioni del Nord Italia (Centro 16,5%, Sud 23,7%, Isole 12,3%);
  3. il 20% dei casi di incendio verificatesi in impianti di trattamento e smaltimento rifiuti ha avuto origine dolosa;
  4. solo nel 13% dei casi le Procure della Repubblica hanno potuto avviare un’azione penale.

 

Il significato dei dati

  1. La crescente quantità di incendi. Se da una parte si riscontra una diminuzione dei roghi illeciti di rifiuti, dall’altra sono in aumento gli incendi all’interno di impianti autorizzati. Come dichiara la Commissione: «Nella zona specifica delle province di Napoli e Caserta, caratterizzata dal fenomeno dei roghi, gli eventi sono in diminuzione, come dimostrano i dati forniti alla Commissione dalla procura della Repubblica di Napoli Nord. […] Come si è rilevato, invece, l’incremento degli eventi di incendio in impianti di rifiuti è stato costante».

Le ipotesi che spiegano l’aumento degli eventi:

– la fragilità degli impianti, spesso non dotati di sistemi adeguati di sorveglianza e controllo;

– la rarefazione dei controlli sulla gestione che portano a situazioni di sovraccarico degli impianti e quindi di incrementato pericolo di incendio;

– la possibilità di sovraccarico di materia non gestibile, che quindi dà luogo a incendi dolosi definiti dalla Commissione «liberatori», un eufemismo per dire che si ricorre a una soluzione illegale a una non corretta gestione.

  1. Lo spostamento al Nord di quasi la metà casi di incendio in impianti di trattamento e smaltimento rifiuti ha diversi significati:

– è la conferma di un’inversione del flusso dei rifiuti verso le aree del Paese ricche di impianti di smaltimento e trattamento dei rifiuti.

– è sintomo della carenza di impianti adatti nel resto della Penisola.

– rispecchia la maggiore urbanizzazione del Nord Italia e la maggior produzione di rifiuti.

In pratica, la maggiore presenza di impianti a tecnologia evoluta per il trattamento di rifiuti differenziati fa sì che il Nord sia la destinazione finale di filiere di rifiuti differenziati raccolti in altre zone della Penisola.

  1. Per circa il 20% dei casi indicati ci sono elementi concreti per ritenere gli episodi di natura dolosa, di cui la metà con indagini contro ignoti.

Come fa notare la Commissione: «Il fenomeno degli incendi negli impianti di trattamento dei rifiuti […] sposta necessariamente l’attenzione di tutti i soggetti attivi nella difesa della legalità ambientale dal tema “classico” della combustione illecita di rifiuti […] al tema dell’interdipendenza tra eventi incendiari e mancata corretta chiusura del ciclo dei rifiuti».

Altra evidenza inquietante dal punto di vista dell’impatto ambientale è la gestione domestica di alcuni eventi da parte delle aziende interessate, senza il coinvolgimento dei vigili del fuoco e dell’ARPA, nonostante l’impatto di questi eventi sull’ambiente.

  1. La relazione della Commissione rileva come l’azione penale sia stata esercitata solo nel 13% dei casi, anche per la mancata segnalazione dei fatti come notizie di reato alle procure.

Perché nell’87% dei casi di incendio in impianti per il trattamento dei rifiuti non è stata aperta un’inchiesta, nonostante la pericolosità sociale di questo genere di eventi?

La Commissione d’inchiesta tenta di dare una risposta: «Di fronte alla specificità del fenomeno nella cosiddetta terra dei fuochi, il legislatore è intervenutointroducendo la fattispecie di “combustione illecita di rifiuti” […]; sono stati configurati due nuovi delitti: la combustione illecita di rifiuti; l’abbandono, il deposito incontrollato, la raccolta, il trasporto, la spedizione o comunque la gestione senza autorizzazione di rifiuti in funzione della successiva combustione illecita. […] Si tratta di norme incriminatrici che hanno avuto un’applicazione relativamente limitata in confronto alla diffusività del fenomeno che intendevano contrastare».

Quello che, in pratica, avviene nella maggioranza degli incendi all’interno di impianti di trattamento di rifiuti è che intervengono Vigili del fuoco e ARPA, ma l’evento non viene segnalato come notizia di reato alla Procura della Repubblica territorialmente competente.

 

Cosa fare?

Molto dettagliata e analitica nella radiografia dei casi presi in esame, la Commissione d’inchiesta parlamentare è un po’ più sbrigativa quando arriva a trattare il tema di “cosa fare”. Forse la chiusura anticipata della legislatura ha costretto a chiudere i lavori per non mandare disperso quanto fatto.

La principale raccomandazione è: «L’elevato impegno di risorse richiesto da un incendio in impianti di trattamenti di rifiuti per quanto riguarda le operazioni di spegnimento da parte dei vigili del fuoco, gli interventi di tutela della popolazione, i monitoraggi ambientali e le investigazioni, è tale da suggerire o imporre un investimento adeguato nella prevenzione, che sicuramente corrisponde a un interesse non solo di tutela ambientale ma anche di migliore gestione delle risorse pubbliche».

Ma resta il ragionevole dubbio che dietro l’incremento degli incendi negli impianti di trattamento, selezione e riciclo possa esserci una “guerra dei rifiuti” scatenata dalle ecomafie.Significativo e inquietante un dato: il 90% degli incendi sono divampati all’interno di impianti a tecnologia evoluta per il trattamento di rifiuti differenziati, mentre solo il 10% nelle discariche. Questo dubbio richiama l’impellente necessità di innalzarne la qualità della risposta investigativa e giudiziaria. Perché, come sottolinea il comandante del Nuclei Operativi Ecologici (N.O.E.) di Milano, Massimiliano Corsano: «Si inquina non per scarsa etica o per poca conoscenza, ma perché ci si vuole arricchire».

Fonte rivistanatura.com

Sharing is caring!

Precedente Russia: "La minaccia di un conflitto in Europa è in crescita a causa della corsa agli armamenti" Successivo Il massacro del popolo armeno per troppi anni ignorato