La CIA è essenzialmente responsabile della creazione dell’Isis. Wikileaks

Sharing is caring!

di L.M.P.I
Qualcuno lo considera come un uomo del popolo, altri come un burattino nelle mani del potere che non rileva nulla di nuovo, ma che semplicemente prova quello che le masse conoscono da tempo, stiamo parlando di Assange.

Il fondatore dell’organizzazione WikiLeaks ha rilasciato una dichiarazione sul rilascio di oltre 500.000 dispacci diplomatici risalenti al 1979, che rivelano succintamente come la CIA è essenzialmente responsabile della creazione del gruppo terroristico Stato Islamico (ISIS).

In una dichiarazione Julian Assange ha tracciato come gli eventi del 1979 hanno in ultima analisi, culminato nella nascita dell’ISIS.

“Se qualche anno potrebbe essere definito ‘l’anno zero’ della nostra era moderna, è il 1979”, ha detto Assange.

Assange mette a nudo la realtà delle radici del terrorismo islamico moderno, iniziato attraverso una collaborazione tra CIA e Arabia Saudita. Stati Uniti e Arabia, hanno versato miliardi di dollari per creare una forza di “Mujahideen” per combattere l’Unione Sovietica in Afghanistan, questa forza alla fine ha portato alla creazione di al-Qaeda.

Nulla di nuovo, infatti secondo un sondaggio dell’Express, la stragrande maggioranza delle persone hanno capito che la politica estera statunitense ha creato l’ISIS.

Assange fa poi notare che gli attacchi del 9/11., e la successiva invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq, ha portato direttamente alla nascita dell’ISIS.

La narrazione tracciata da Assange, espone esattamente come la “forza islamica” è stata alimentata dalla CIA e dal governo saudita come mezzo per usurpare il governo afgano comunista, che aveva chiesto l’assistenza sovietica nella lotta al terrorismo islamico.

Oltre all’ascesa dello Stato Islamico, gli ultimi documenti pubblicati da Wikileaks riguardano anche l’elezione di Margaret Thatcher come Primo Ministro britannico, tre incidenti nucleari, e collaborazioni segrete tra David Rockefeller e Henry Kissinger per quanto riguarda l’Iran.

Qui di seguito in una video intervista Assange mette in luce una e-mail che dimostra come l’Arabia Saudita e il Qatar finanziano direttamente l’ISIS. In quella mail, inviata il 17 agosto 2014, Hillary Clinton ha chiesto a John Podesta di fare “pressione” sui governi arabi del Qatar e sauditi per il loro sostegno all’ISIS. La sponsorizzazione dello Stato Islamico, da parte di uno stretto alleato Usa, è una cosa che i funzionari degli Stati Uniti rifiutano tutt’ora di ammettere pubblicamente.

Tratto dall’e-mail di Hillary Clinton a Podesta:

“Abbiamo bisogno di utilizzare le nostre risorse di intelligence e diplomatiche più tradizionali per portare pressione sui governi di Qatar e Arabia Saudita, che stanno fornendo sostegno finanziario e logistico clandestino per ISIS e altri gruppi sunniti radicali nella regione”, Clinton ha scritto nella mail.

La mia parte intollerante

Sharing is caring!

Precedente "Garibaldi è lo strumento cieco che lavora incosciamente per la massoneria". Costantino Nigra Successivo Hanno pensato che fosse pazza: Medico Estrae Chip da una vittima del traffico sessuale