Kefiah e la maschera della Vendetta: la lotta delle donne di Gaza

Sharing is caring!

Guy Fawkes resiste per alcuni giorni ai suoi aguzzini, prima di fare i nomi degli altri cospiratori. Resiste come il popolo palestinese.

Le donne palestinesi con la kefia e la maschera di Guy Fawkes (ovvero quella di V per Vendetta) partecipano ad una iniziativa di protesta a Gaza City contro la ‘prigione’ imposta dagli israeliani.
La lotta per la libertà ha diversi volti. La protesta feroce e anche l’ironia.

Un volto d’uomo appuntito, con pizzetto e baffi all’insù: questo è ciò che vedete in questa maschera. Ma a renderla unica è il suo sorriso di sfida e la storia che si cela dietro di essa. Ed è questa storia che ne ha determinato il successo. Questa maschera, infatti, è un simbolo di resistenza e ribellione, di chi è capace di difendere i propri ideali anche di fronte alla tortura. Perché Guy Fawkes resiste per alcuni giorni ai suoi aguzzini, prima di fare i nomi degli altri cospiratori. Resiste come il popolo palestinese.

fonte: globalist.it

Sharing is caring!

Precedente Foa: entro 5 anni ci portano via tutto, casa e risparmi, come in Grecia. Va fermata l’élite che ci inganna con le fake news Successivo Delirio liberal progressista: l’allattamento al seno “naturale” non è etico perché rinforza i ruoli di genere

Lascia un commento

*