Israele sta cercando di trascinare l’America nella “guerra iraniana”…

Sharing is caring!

…con rischio di “Terza Guerra Mondiale”.

Israele sta cercando di “trascinare l’America” ​​in una guerra con l’Iran che potrebbe destabilizzare il Medio Oriente e portare a una guerra mondiale nello stesso modo in cui le rivalità imperiali nel 1914 hanno portato alla prima guerra mondiale, lo afferma Lawrence Wilkerson, l’ex capo dello staff del Segretario di Stato Colin Powell, che ha parlato a Washington la scorsa settimana.

Tuttavia i leader israeliani vogliono una guerra, e ne stanno sospingendo una con l’appoggio dei loro amici politici americani, compresi i democratici come il senatore Chris Coons del Delaware, la cui retorica surriscaldata sull’Iran ricorda Joseph Goebbels, il propagandista nazista, ha detto Wilkerson. Un’altra fazione favorevole alla guerra è costituita da “neocons riciclati”, gli stessi che ci hanno portato alla guerra in Iraq.

Wilkerson, un colonnello dell’esercito in pensione che ora insegna con incarico del governo nelle università della zona di Washington, ha servito Powell durante la corsa verso la guerra in Iraq. Ha parlato lo scorso venerdì alla conferenza annuale della lobby israeliana presso il National Press Club, sponsorizzato dal Rapporto di Washington sugli affari mediorientali e l’ Istituto per la ricerca: la politica mediorientale. La conferenza è andata in onda su C-SPAN.

Le osservazioni di Wilkerson sono importanti perché la sua analisi della “coda che scuote il cane” è così convincente e terrificante in un momento in cui il principale gruppo di pressione israeliana dell’AIPAC sta spingendo per un’azione contro l’Iran in Siria. Anche per l’atteggiamento rispettoso di Wilkerson su Vladimir Putin; per la sua netta opinione della lobby israeliana, così diversa dal pezzo addomesticato che ha pubblicato sul New York Times un mese fa; e per i suoi commenti su Israele che attaccarono la USS Liberty nel 1967 e che rubarono l’uranio americano per costruire un’arma nucleare con le conoscenze di LBJ.

Non è indifferente il fatto che Trump ha venduto personalmente alla famiglia saudita 350 miliardi di dollari in armi e addestramento dagli Stati Uniti per ripristinare la produzione dell’apparato industriale /militare USA.

Il problema degli Stati Uniti è che il loro potere è stato ridotto drasticamente da quello che era nel 1945 e non lo vogliono riconoscere ora che hanno un numero maggiore di nemici.

Un fatto imponderabile: la possibile reazione della Russia, così Lawrence Wilkerson suggerisce che gli Stati Uniti e la Russia dovrebbero cooperare per sedersi per negoziare l’Arabia Saudita e l’Iran.

Proprio come avvenuto con Douglas Feith, sottosegretario alla Difesa della politica, che operò nel 2002 e nel 2003 con Richard Cheney per portare gli USA in guerra contro l’Iraq, ora l’affare Skripal e tutte le pressioni di Russiagate su Trump cercano di portare gli Stati Uniti in guerra contro la Russia e i suoi alleati (Iran, Siria e Cina).

Di fronte a questa pericolosa situazione, la raccomandazione di Lawrence Wilkerson, esposta dallo storico Eric Zuesse: che gli Stati Uniti abbandonino Israele e quindi Netanyahu non sarà in grado di avviare la sua guerra di aggressione..

In realtà, secondo il noto politologo Alfredo Jalife Rahme, hanno sbagliato la previsione sia il colonnello che l’ermeneutica dello storico Eric Zuesse, un terzo fattore oggi è in gioco: l’alleanza militare della Cina con la Russia che è stata ora espressa apertamente, nel mezzo della guerra protezionista tra Washington e Pechino, quando il ministro della Difesa Wei Fenghe, in visita a Mosca alla settima Conferenza sulla sicurezza internazionale, ha affermato che “gli americani sono tenuti a conoscere gli stretti (sic) legami tra le forze armate russe e quelle cinesi”.

Parallelamente, il quotidiano non ufficiale cinese Global Times ha avvertito che la pressione occidentale ha avuto l’effetto di rendere più vicina la Cina e la Russia.

Nel mezzo delle massicce espulsioni di diplomatici russi da 27 paesi, la Ue ha espulso 60 diplomatici russi e ha chiuso il consolato di Seattle, sede della flotta sottomarina degli Stati Uniti e della Boeing, vicino alla Microsoft — nel sistema Kafkiano, nel caotico mondo del gioco d’azzardo del Casinò Trump, è stato notevole il fatto che il Cremlino abbia annunciato che il presidente acrobatico degli Stati Uniti ha invitato lo zar Vlady Putin a visitare… la Casa Bianca.

Fonte: controinformazione.info

Una guerra con l’Iran, ha detto, potrebbe “terminare l’esperimento che è stato Israele e fare danni irreparabili all’impero che l’America è diventata”.

Sharing is caring!

Precedente Attacco missilistico contro base aerea in Siria Successivo YouTube vieta in 28 paesi un video che mette in mostra la violenza di Israele contro i manifestanti

Lascia un commento

*