Il Pentagono ammette di aver impiegato più di 5500 mercenari in Siria e in Iraq

Sharing is caring!

“Dal momento che la missione (degli Stati Uniti) è cresciuta ed è in proseguimento in Siria (il Pentagono) comprende anche questi numeri nelle relazioni periodiche”, ha dichiarato la portavoce del Pentagono Heather Babb, citata ieri dal portale web ‘Military Times.

Secondo la funzionaria, un totale di 11.965 contractors sostengono le operazioni negli Stati Uniti in tutto l’Iraq e la Siria, ma solo 5508 di queste persone sono direttamente finanziate dal Pentagono.

Tuttavia, alla domanda circa la posizione precisa del personale impiegato dal Dipartimento della Difesa in Siria, Babb evitato di dare una risposta chiara, affermando che “per ragioni di sicurezza, e non è in grado di fornire un conteggio accurato di contractors che sono operativi in questo paese.

Questa è la prima volta che il Pentagono riporta il numero dei suoi mercenari in questi due paesi arabi, dove gli Stati Uniti compiono diverse operazioni sotto la bandiera della sua cosiddetta coalizione contro i terroristi dell’ISIS (Daesh, in arabo).

Queste informazioni, tuttavia, si verificano allo stesso tempo, in cui il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato in dichiarazioni contraddittorie, che Washington presto ritirerà le sue truppe militari dalla Siria e saranno altri paesi arabi prendersi cura della zona.

Infine, il portale web ricorda che “è importante notare che i ruoli dei contractors nel paese sono per lo più relegati a logistica, manutenzione, supporto di base e servizi di traduzione. Un aumento della loro presenza potrebbe comportare anche l’accumulo di personale militare.”

via L’Antidiplomatico

Sharing is caring!

Precedente Rothschild – La dinastia di banchieri che determina l’economia globale Successivo il Gran Sasso radiazioni pari ad un ¼ di quelle sprigionate a Fukushima