Gli Usa fanno strage di bambini: 42 innocenti uccisi in un raid a Mayadin…

Sharing is caring!

Ma le vittime complessive sono circa 100: la città è contrallata dall’Isis e i civili si erano rifugiati nel comune

Ancora un’altra strage disumana. Purtroppo l’ennesima. Globalist ha perso il conto di quante ne ha raccontate: è di almeno 100 morti, fra cui 42 tra bambini e adolescenti, il bilancio delle vittime di un’incursione aerea della coalizione a guida statunitense sulla località siriana di Mayadin: lo hanno reso noto fonti delle organizzazioni siriane per la difesa dei diritti umani, secondo cui gli edifici colpiti ospitavano le famiglie dei combattenti jihadisti.
Secondo quanto reso noto dalle ong le famiglie si erano rifugiate all’interno del municipio della cittadina, non lontano dall frontiera irachena e controllata dal 2014 dalle milizie dell’Isis.

Negli ultimi mesi poi Mayadin ha inoltre accolto numerosi rifugiati provenienti sia dall’Iraq che dalla vicina Raqqa, roccaforte dell’Isis e oggetto di un’offensiva delle forze locali appoggiate dall’aviazione della coalizione.
L’Alto commissario Onu: troppe vittime tra i civili
L’Alto commissario Onu per i diritti umani ha esortato “le forze aeree di tutti gli Stati” coinvolti nei raid in Siria a distinguere meglio “tra bersagli civili e militari”, sottolineando che i jihadisti si mischiano con i civili e impediscono loro la fuga.
Il diritto internazionale impone alle parti in conflitto di prendere le necessarie “precauzioni” per “minimizzare” le perdite tra i civili, ha sottolineato Zeid Raad Al Hussein in un comunicato.
Nei raid aerei contro lo Stato Islamico dal 2014 sono rimaste uccise centinaia di civili. “Il numero crescente di civili morti o feriti durante i rai su Deir Ezzor e Raqqa suggeriscono un’assenza di precauzioni”, ha affermato Zeid, senza specificare ulteriormente…
(Globalist)

Sharing is caring!

Lascia un commento

*