Gli oceani stanno lentamente morendo, si teme una nuova estinzione del Permiano

Sharing is caring!

di L.M.P.I

Gli oceani stanno lentamente morendo, e con loro, una parte significativa del nostro approvvigionamento alimentare sparirà. Poiché il numero della vita marina “piccola” si riduce drasticamente ogni anno, i predatori più grandi muoiono di fame. Le cause dei recenti spiaggiamenti di massa e di morie di vita marina sono numerosi, vanno dalla pesca eccessiva ai cambiamenti climatici e soprattutto dall’inquinamento da plastica alla contaminazione radioattiva .

 

Il grande crollo della catena alimentare dell’Oceano Pacifico

Una massiccia censura è in corso su ciò che potrebbe diventare la più grande estinzione marina “dall’estinzione del Permiano” di ben 251,9 milioni di anni fa. Nell’ultimo anno e mezzo, gli scienziati hanno registrato un crollo di diverse catene alimentari all’interno dell’Oceano Pacifico.

Il famoso ambientalista Russ George, ha spiegato:

“Non solo i salmoni del Pacifico stanno morendo, nel Pacifico settentrionale tutte le forme di vita dell’oceano sono state segnalate come morte o morenti in numeri mozzafiato. Centinaia di balene morte, i numeri sono i più grandi mai visti”.

L’evidenza è chiara, ma molti scienziati, media e governi rimangono in silenzio. Secondo alcuni scettici, il mondo può essere diretto verso un’altra “estinzione del Permiano”.

L’aumento delle temperature e l’aumento delle radiazioni UV che raggiungono la Terra contribuiscono ai cambiamenti ambientali che minacciano anche la nostra vita e la catena marina. Ha fatto la sua parte anche il disastro nucleare in Giappone . Particelle radioattive possono accumularsi nelle specie predatori al vertice della catena alimentare, inclusi gli esseri umani. Per esempio il tonno è una specie a rischio perché passando dall’Oceano Pacifico, consuma grandi quantità di prede più piccole insieme alle particelle radioattive che hanno accumulato nei loro corpi. Dal 2012, dopo l’incidente nucleare di Fukushima, i rapporti hanno mostrato che il tonno, tra le altre specie di pesci catturati al largo della costa della California è risultato positivo per alle radiazioni.

Ogni giorno sempre più, stanno emergendo segnali che il nostro mare e il mondo sta lentamente morendo. Viviamo in tempi pericolosi, instabili che possono influenzare ogni essere vivente sul nostro pianeta. Tuttavia, i media ei governi non vedono alcun danno a rimangono sorprendentemente in silenzio.

La mia parte intollerante

Sharing is caring!

One thought on “Gli oceani stanno lentamente morendo, si teme una nuova estinzione del Permiano

  1. Federica il said:

    Salve, sono una camperista pugliese e vi volevo informare che visitare il ponte non ne vale la pena: disorganizzato, ignoranti, la biglietteria poi é stata la ciliegina. Furbi, dispensano biglietti come se non ci fosse un domani e poi?! Bloccano l’impianto e non rimborsano nemmeno il biglietto, con la scusa che poi si può riutilizzare. Morale della favola: 6 ore di fila per non riuscire nemmeno a farlo (manco ai Vaticani guarda); INCOMPETENTI.