Foa: Twitter, utenti “schedati” e poi esclusi a loro insaputa

Sharing is caring!

Prima hanno inventato la democrazia, lottando per conquistarla. Poi l’hanno svuotata, con le istituzioni-capestro che scavalcano gli Stati e la loro Costituzione. In compenso, con Internet e i social media, hanno trasferito quote di democrazia(virtuale) sulla Rete. Ma adesso si stanno riprendendo, silenziosamente, anche quelle. Lo afferma Marcello Foa, nel suo blog sul “Giornale”, segnalando la colossale retromacia di Twitter: messaggi filtratri e segretamente archiviati, a insaputa dell’utente, che – nel caso veicolasse messaggi scomodi – verrebbe addirittura escluso dal circuito, senza che neppure se ne accorga. E’ una notizia che pochissime testate hanno dato, e che Foa considera «tanto importante quanto inquietante». Pochi giorni fa, scrive, un’inchiesta di “Project Veritas” ha rivelato che Twitter sta lavorando alacremente a misure che, una volta introdotte, limiteranno la nostra libertà di esprimerci. A confessarlo sono stati alcuni ingegneri della società: le loro confidenze sono state captate con una camera nascosta durante le feste natalizie, «un po’ come fa “Report”, per intenderci». Non immaginando di essere registrati, si sono lasciati andare. Pochi ne hanno parlato, in Italia. E chi lo ha fatto (come “Repubblica”) si è soffermato sulle indiscrezioni riguardo la violazione della privacy: ogni contenuto tu Twitter verrebbe monitorato e messo in cassaforte.

Twitter, scrive Foa, «scandaglierebbe i messaggi per raccogliere informazioni private e archivierebbe tutti i messaggi diretti, anche quelli cancellati, per poterli consegnare al Dipartimento di Giustizia qualora li richieda, anche a distanza di anni», Marcello Foanaturalmente a insaputa degli utenti. Esploso lo scandalo, la società ha negato tutto: «Facciamo rispettare le nostre regole senza pregiudizi e responsabilizzando ogni voce sulla nostra piattaforma». Ma ben più inquietante, secondo Foa, è l’altro progetto: quello del cosiddetto “shadow banning” ovvero una “censura ombra” (o, più propriamente, invisibile) che permetterà di escludere un utente senza che se ne accorga. «Ovvero: voi continuerete a twittare, ma nessuno vedrà più i vostri “cinguettii”». Progetto a cui si accompagna «l’algoritmo che consente di individuare e di schedare gli utenti in base alle idee politiche, con le conseguenze che potrete facilmente immaginare: quelle gradite all’establishment avranno visibilità, quelle sgradite e anticonformiste saranno confinate in una bolla, private della virtù di Twitter: la viralità».

E’ improbabile che gli ingegneri si siano inventati tutto, aggiunge Foa: questa è la tipica situazione nella quale emerge il fondato sospetto che l’operazione sia stata commissionata a precise strutture di intelligence. «E’ un segnale inquietante che, purtroppo, conferma la tendenza in atto». Quella parola, “shadow banning”, «suona sinistramente profetica del mondo che stanno cercando di costruire, in cui la libertà d’opinione sarà più apparente che reale». E’ il cosiddetto post-umanesimo, la post-democrazia «in cui prevarrà, e di gran lunga, la verità omologata, che non morde, che non fa male, che acquieta le coscienze». Per Foa è «un mondo che bisogna denunciare adesso, con coraggio, per impedire che si realizzi». Vietato stupirsi, però, dopo il terremoto Snowden con le rivelazioni sullo spionaggio digitale di massa realizzato dalla Nsa statunitense, con buona pace della “democrazia della Rete”. Quanto all’altra democrazia, quella pre-digitale delle elezioni, non c’è molto da aggiungere: l’Italia il 4 marzo voterà un Parlamento che, a prescindere dall’esito delle urne, produrrà un governo il cui bilancio dovrà essere prima validato a Bruxelles, dalla Commissione Europea che nessuno ha eletto.

 

Fonte LIBREblog

Sharing is caring!

Precedente Scordatevi sicurezza e privacy, Facebook è in ascolto Successivo VIDEO. L'Esercito siriano sequestra materiale tossico e mine israeliane all'ISIS a Deir Ezzor

Lascia un commento

*