Fiorella Belpoggi: “Il glifosato altera il sistema ormonale”. Ma Bruxelles decide di non decidere

Sharing is caring!

Il glifosato altera il sistema ormonale. Non è più un sospetto. Lo ha dichiarato apertamente in una intervista televisiva a Report la dottoressa Belpoggi, Direttore del Centro Ricerca Tumori Ramazzini di Bologna. 

Dopo averlo dichiarato a Report, la direttrice dell’ Istituto Ramazzini in un intervista al Salvagente afferma: “I primi risultati del nostro studio sugli effetti del glifosato non sono sufficienti per definirlo cancerogeno ma è certa l’interferenza endocrina capace di condizionare lo sviluppo sessuale”.

Ma adesso la Belpoggi direttrice dell’area di ricerca dell’Istituto Ramazzini di Bologna, l’ente scientifico indipendente tra i più autorevoli al mondo nella ricerca contro il cancro, dopo aver coordinato il primo esperimento sugli effetti a breve termine del glifosato sulla salute umana, chiarisce meglio la delicata questione.

Secondo lo studio della Belpoggi il glifosato– ritenuto “probabile cancerogeno” dalla Iarc – “anche a dosi ritenute sicure e per un periodo espositivo relativamente breve – corrispondente a uno studio di tossicità a 90 giorni, che equivale nell’uomo ad una età compresa tra la vita embrionale e i 18 anni – , è in grado di alterare alcuni parametri biologici di rilievo che riguardano soprattutto marker correlati allo sviluppo sessuale, alla genotossicità e all’alterazione della flora batterica intestinale”.

In particolare, aggiunge la dottoressa Belpoggi

lo sviluppo sessuale delle femmine trattate con RoundUp è ritardato (effetto androgeno). Inoltre sempre il Roundup ha provocato effetti genotossici (micronuclei) e alterazioni della flora batterica intestinale nel primo periodo della vita. Il pericolo non è quantificato ma solo evidenziato; il rischio invece è un parametro che viene quantificato con modelli matematici.

L’ Istituto Ramazzini ha inviato al governo, in particolare al ministro Martina, i primi rilievi emersi dallo studio-pilota al fine di proporre all’Europa di autorizzare l’uso del glifosato per non più di 5 anni.

Sul punto però, anche se la scienza non può appellarsi al principio di precauzione, ci viene in soccorso il diritto comunitario di cui il principio di precauzione rappresenta un pilastro importante.

 

Fonte GranoSalus 

Sharing is caring!

Precedente Lewis compra terre in Patagonia e ospita migliaia di soldati israeliani, sulle coste dov’è sparito il sommergibile San Juan Successivo TREMONTI: “ECCO COME L’UE RUBA I SOLDI DAI NOSTRI CONTI CORRENTI”

Lascia un commento

*