Dopo la Calabria arriva la Toscana a bandire il Glifosato, sotto a chi tocca!

Sharing is caring!

di La Mia Parte Intollerante

Dopo la Calabria arriva una splendida notizia dalla Toscana: è la seconda regione in Italia a bandire il Glifosato. Il Consiglio Regionale ha deciso di proteggere il proprio territorio mettendo a bando tutti i prodotti che contengono glifosato dalle produzioni. Un vento nuovo soffia finalmente in questo paese che nonostante tutto, ha ancora voglia di rivalsa, un vento che ci sta riportando a un’agricoltura sana ed ecologica. Sempre più colture bio, come il ritorno al passato con il grano antico che sta rivoluzionando la produzione del Sud Italia, dove dei giovani si sono messi in gioco investendo in questo, nella qualità del prodotto e non nella quantità. È iniziato in Sicilia con GranoSalus, contemporaneamente la Calabria con un giovane ambizioso, che grazie alle donazioni raccolte tramite Facebook, è riuscito a restaurare un antico mulino per lavorare il suo amato grano antico, ed ora anche in Toscana, oltre alla splendida notizia del bando al glifosato, è iniziato un progetto che prevede le culture di antiche sementi.

Tutti conosciamo i danni che provoca il glifosato, a chi è poco informato, consiglio di guardare il servizio delle Iene su come il Glifosato ha distrutto l’Argentina, con danni all’ambiente e alla popolazione. Qui inserisco il link del servizio: Le Iene: L’erbicida nuoce alla salute del mondo

Nel mio piccolo ho scritto e riportato molti articoli sui danni e l’impatto ecologico del glifosato e pesticidi chimici in genere o sulle sementi geneticamente modificate, come me, tantissimi altri blog a partire dai più conosciuti, hanno informato e diffuso tutte quelle notizie che i media ignoravano. Ricercatori, Medici, Giornalisti liberi, grazie al loro lavoro abbiamo appreso e diffuso la verità, fino al punto che anche i media hanno dovuto dargli voce. Un buon risultato, ora, visto che il Governo non prende posizione al riguardo, aspettiamo la terza Regione che si unisce a questa lotta! Ne sono sicuro, a breve arriverà.

La mia parte intollerante

Sharing is caring!

Precedente In questa incredibile città le persone vivono senza politica, nessuna religione e senza soldi Successivo India: commercianti boicottano la Coca-Cola perché sfrutta le risorse idriche del paese