Dietro la CIA e Soros c’è … “Jigsaw”

Sharing is caring!

DI GORDON DUFF Journal-neo.org

Il loro obiettivo era l’Iran, distruggere la sua economia, armando i separatisti del Kurdistan e boicottando ogni possibile insediamento nucleare. Avevano preso l’Egitto, mettendo temporaneamente al potere la fratellanza musulmana finanziata dai sauditi, avevano rovesciato l’Ucraina e istigato alla guerra civile la Siria.

L’ organizzazione, che si chiamava Google Idea Groups, da allora ha cambiato nome in“Jigsaw.” Anche il suo obiettivo è cambiato, ora recluta gente in tutto il mondo. Dietro robusti siti web collegati tra di loro, che promuovono democrazia, bontà e trasparenza, che offrono un software sicuro e addestramento all’attivismo politico c’è un’altra realtà di bambini morti, di terrorismo, di false flag, di manipolazione della stampa e una agenda di sottomissione e tirannia.

Ogni volta che qualcuno si avvicina a chi sta veramente dietro a questa storia, si mette in moto la macchina delle bugie e tutti puntano il dito dritto contro George Soros e la sua  “Open Society”, questo per chi ha idea su come funzionano queste cose, oggi però non sono tanti perché ci troviamo chiaramente dall’altro lato dello spettro politico.

Questa è l’organizzazione che sta dietro Victoria Nuland e dietro i neo-con in Ucraina e, ancora peggio dietro chi controllava Hillary Clinton come Segretario di Stato e che ora controlla anche Donald Trump. Non stiamo parlando di un miliardario, stiamo parlando di miliardi di dollari, stiamo parlando del controllo totale di internet, di tutti i social media, di tutti i motori di ricerca e perfino della stessa infrastruttura dell’hardware.

Siamo anche pronti a dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che siamo arrivati almeno al livello di “quello che è stato nascosto”. Ora stiamo vedendo una testa dell’Idra, stiamo vedendo il potere che sta sopra e oltre i governi, il potere che crea la realtà, che progetta qualsiasi verità, il potere che sta sopra ogni legge. Ci sono altre teste di questa idra, intanto noi ne vediamo solo una.

Background

Esiste un’organizzazione mondiale, appoggiata dalle più potenti aziende tecnologiche del mondo, guidata da Google, Facebook e Microsoft, ma con loro si muovono i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito e dietro di loro, una brodaglia che si può elencare in ordine alfabetico piena di agenzie di intelligence e di security. Curiosamente, questo gruppo è stato chiamato Alphabet Inc, e al centro c’è “Jigsaw”, guidato da Jared Cohen, ex consulente del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Bush (il 43° Presidente).

Jigsaw, e i suoi padri di Alphabet, è al centro di più di una dozzina di organizzazioni, che prima erano legate a Movements.Org, che reclutano attivisti e informatori da tutto il mondo, finanziati generosamente con fondi di potenti società di Internet e con il sostegno — ATTENZIONE — della  CIA.

Dietro queste organizzazione ci sono gruppi di giovani attivisti, reclutati in ogni angolo del mondo, a cui viene offerto aiuto finanziario, affiliazioni con i maggiori potentati di Internet, di cui Google e Facebook sono solo due tra decine di altri potentati ….  solo questo?  ….  Beh, dietro tutto questo discorso che predica la lotta alla corruzione e la costruzione della democrazia ci sono sempre le solite vecchie facce, quella che è appena morta – David Rockefeller – e quella del Council on Foreign Relations, la faccia molto nota del Dipartimento di Stato USA e quella meno nota, che manovra il tutto: la CIA.

Il piano è semplice, ma l’ambizione è enorme, si reclutano dei millennials tecnicamente brillanti ma eticamente zoppi, con jeans e infradito ma anche con stock options e contratti blindati, Il loro lavoro è costruire un sistema di social engineering data da incubo, qualcosa che nemmeno Orwell avrebbe mai potuto immaginare.

Dopo di che si collega il risultato di questo lavoro con gruppi di base in grado di organizzare “movimenti politici a richiesta” e per far funzionare il prodotto di questa combinazione, ci si allea con agenzie di intelligence in grado di ammazzare, di far saltare auto-bomba, di fare attacchi con gas sarin ecc…  “a richiesta” … ed ecco che abbiamo creato una Macchina del Cambiamento a cui nessuno può resistere.

Tutto, naturalmente, è reso possibile manipolando la fiducia della gente, approfittando dell’avidità umana e dove questo non basti, si usano ricatto e coercizione. Queste organizzazioni sono uscite allo scoperto per la prima volta nel 2008, “finanziate con fondi neri” del governo americano e inglese e si chiamavano  The Alliance for Youth Movements.

Ogni anno si è tenuto un summit che ha riempito Città del Messico o Londra o altri posti simili in cui si riunivano tutte le potenziali reclute della CIA. All’inizio, Robert Bernstein, quello che ha fondato Human Rights Watch,  che sembra sia una faccia della CIA, ne ha preso le redini ed ha iniziato a collaborare con i media per mezzo di Al Jazeera, di proprietà dei reali del Qatar e delle organizzazioni di Murdoch – Fox / WSJ – media in mano di Israele che stanno soffocando USA e Regno Unito.

Era Movement.Org, non le organizzazioni di Soros, che erano responsabili delle Primavere Arabe e del colpo di stato in Ucraina.  Sì, sono stati proprio loro a “tirare il grilletto” sull’Egitto e a mandare al potere la Fratellanza musulmana voluta dai Sauditi. Hanno sviluppato il software usato per individuare chi erano i “ribelli moderati” della Siria, e dar loro una voce con le “fake-news” di al Jazeera, quell’organizzazione del Qatar che ora sta lavorando in Siria con la sua società di produzione video, quella che ha reso gli attacchi con  i gas dei White-Helmet  dei “falsi umanitari”.

Con loro lavorano nei media anche le organizzazioni di Murdoch, Fox News negli Stati Uniti e le altre proprietà di Murdoch in tutto il mondo. Loro voce ufficiale è il sito webDaily Beast, noto per essere un sito “liberal” del Mossad e molto “sotto-il-controllo-dell’opposizione”,  un sito che ora sta spacciando amabile retorica contro-Trump, di proprietà di Jane Harman, messa da Israele dentro il Dipartimento di Stato.

Anche Madre dell’ ISIS 

Le indagini sulle radici dell’ISIS e di Al-Nusra in Siria ci portano al 2013, in Turchia e poi nella Repubblica di Georgia e alle operazioni che la CIA  ha fatto in quel paese per poi riportarci a Washington DC.  Lì, dietro tutto questo, abbiamo ritrovato nomi familiari, Condoleezza Rice, David Rockefeller, e altra bella gente.  La Google Corporation e in particolare un gruppo che ha un nome che apparentemente sembra innocente,  Google Idea Group.

L’ abbiamo ritrovato,  che gestiva delle case sicure in Azerbaigian e in Turchia, questo stesso gruppo dal nome innocente, che però è collegato all’assassinio di scienziati iraniani e al contrabbando di armi chimiche in Siria, inviate da Tbilisi, in Georgia.

Nel 2013, 1500 siriani furono uccisi in un attacco di gas sarin. Il mondo stava per dichiarare guerra, ma qualche fonte, l’amministrazione Obama ha saputo che il governo di Damasco non ne era responsabile. Era stato tagliato un accordo-su-misura per far arrivare tutte le  WMD – le armi di distruzione di massa possedute dal governo siriano – negli Stati Uniti, un accordo che recentemente ha subito una serie di rovesciamenti.

Oggi la nostra storia comincia da qui, dal 2013, e punta verso il futuro e, se abbiamo ragione, questo potrebbe essere  un futuro davvero brutto.

Conclusione

Quello che è triste è che sono stati tanti, quelli messi tanto facilmente su strade sbagliate e su vicoli ciechi. George Soros è sempre stato un giocatore minore a livello mondiale.  Ce ne siamo accorti solo quando abbiamo studiato gli eventi in Ucraina, dove la faccia del colpo di stato era, naturalmente, quella di Victoria Nuland e di suo marito John Kagan. Entrambi sono nemici di Soros, da sempre, per le sue battaglie vere, tutte contro le influenze esercitate da Israele  su Washington. Nuland e i fratelli Kagan e le think tank a cui sono legati, come l’Institute for the Study of War, sono di estrema destra e vivono per promuovere l’influenza israeliana anche a costo di sacrificare vite americane.

Questo è l’articolo che introduce al loro sito web, scritto da Genevieve Casagrande, e che mostra come funziona la loro agenda e come funziona Jigsaw o Google Idea Groups o al Jazeera o l’ISIS o al Nusra,  perché tutti possono muoversi e operare alla stessa maniera:

“La campagna della Russia contro i civili siriani è continuata malgrado l’attacco USA del 6 aprile in risposta all’uso delle armi chimiche del regime di Bashar al-Assad, a sud di Idlib. Rapporti locali indicano che la Russia abbia usato regolarmente munizioni incendiarie e anti-bunker a Idlib e nelle province di Aleppo per uccidere popolazione in massa, in una zona ribelle dopo l’attacco degli Stati Uniti. Attacchi aerei russi hanno inoltre colpito infrastrutture civili locali dal 4 al 25 aprile, tra cui ospedali, scuole, moschee e centri di difesa civile in tutta la Siria. La Russia ha continuamente preso di mira, per tutto il periodo di riferimento, Khan Shaykhoun, il posto dove avvenne l’attacco chimico fatto dal regime il 4 aprile. Inoltre, alcuni attivisti hanno affermato che la Russia ha colpito un ospedale e un centro di difesa civile che curava i feriti di Khan Shaykhoun immediatamente dopo l’attacco del regime con il gas-sarin. L’uso di armi chimiche è solo uno dei molti mezzi che la coalizione pro-regime usa per punire le popolazioni che si opoongono ad Assad in Siria. La Russia rimane uno dei maggiori sostegni per la campagna di Assad che combatte i civili siriani. Il regime di Assad ha una lunga storia di violenza contro il proprio popolo, ma le moderne armi messe a disposizione dalla Russia hanno allargato il teatro, permettendo alla coalizione di regime di colpire civili con una maggior precisione”.

L’autore di questo pezzo, presentato al Pentagono come un importante documento politico, è un impiegato che lavora per l’organizzazione da 20 anni, che non ha nessuna referenza e che non cita fonti di nessun tipo. L’intero articolo come tutto il resto – pubblicato sul sito web dell’ISW e seguito dal Pentagono come un Vangelo –  è falso.

Quello che segue, sempre preso dalo stesso sito è una confessione di pregiudizio. Ammette che è i suoi documenti sono “un falso”, ma lo ammette con onestà e coerentemente con gli standard  oggi.

Rapporto-alta-affidabilità. L’ISW indica  come altamente affidabili i rapporti corroborati da documentazione fornita da fazioni dell’opposizione e dalle reti di attivisti sul campo in Siria, ritenute credibili che mostrano elementi chiave degli attacchi aerei russi.

Rapporto-bassa-affidabilità. L’ ISW indica come bassa affidabilità  i rapporti confermati solo da varie fonti secondarie, incluse le reti di attivisti locali siriani considerati credibili o i media siriani di stato”.

Possiamo dire che stanno ammettendo che le loro informazioni arrivano direttamente dall’ ISIS e da al Qaeda? Forse però avrebbero potuto fare ancora un altro passo e ammettere anche che le fonti del materiale pubblicato hanno una origine che si confonde con loro stessi.

Il problema è essenzialmente questo:  Jigsaw è destinato a diventare un allargamento, una espansione globale, di quegli sforzi che abbiamo visto in Egitto, dove sono falliti,  in Ucraina, dove la Russia li ha bloccati, anche se sono stati un successo parziale e in Siria, dove stanno fallendo.

La formula è chiara, reclutare attivisti, mettere in scena attacchi terroristici, sfruttare le loro riconosciute competenze – su armi nucleari / biologiche / chimiche e false minacce – e progettare interventi USA in nome di un qualcosa che può essere descritto solo comeuna organizzazione criminale globale, che ora possiamo riconoscere,  che controlla quasi tutto il flusso di informazioni dell’intero pianeta.

Gordon Duff  è un ex-Marine veterano della Guerra del Vietnam che ha studiato i problemi dei veterani e dei POW – prigionieri di guerra – per decenni e si è confrontato con il governo in materia di security.  E’ senior editor e chairman del CdA di Veterans Today, particolarmente per il magazine online  “New Eastern Outlook.

 

Fonte comedonchisciotte.org, Autore della traduzione Bosque Primario

Sharing is caring!

Lascia un commento

*