Che mondo è questo? Dove compriamo un figlio da un’incubatrice umana

Sharing is caring!

di La Mia Parte Intollerante

Umani, significherà qualcosa questa parola, e sinceramente spero che questa parola non cambi significato. Chiunque pensa in modo negativo riguardo alla “nuova moda” o al nuovo mercato milionario dell’utero in affitto, viene etichettato come antico, ignorante, ecc ecc, mentre chi è a favore si crede superiore in intelletto e moderno, e critica il tuo pensiero anche in modo presuntuoso.

L’uomo sfida la natura da sempre, ha fatto tantissimi passi avanti nella sua evoluzione ma a volte ho la sensazione che nel nome della scienza e dello stupido egoismo tralasci il suo lato umano. Nessun vuole vietare a un altro uomo la possibilità di diventare genitore, questo è ovvio, questo è UMANO e naturale. Le critiche sono solo per il modo, in questo mercato di umano c’è poco, in questo mercato il ricco sfrutta il povero, in questo mercato c’è la vittoria dei soldi, quale migliore esempio che i soldi possono comprare tutto? finanche il ventre di una donna dove crescere il bambino, dopo aver scelto con attenzione (se non usato il proprio) le caratteristiche del seme che andrà a fecondare l’ovulo  anch’esso scelto accuratamente. Le selezioni genetiche le hanno fatte anche i Nazisti giusto per dire. È il modo che è sbagliato, all’indomani si farà in un’incubatrice allora?  Posso capire che una madre per qualche assurdo motivo non vuole il figlio e allora lo da in adozione, questo posso capirlo, ma quando di mezzo ci sono così tanti soldi, chi accetta di portare un bambino nel suo grembo per nove mesi lo fa soprattutto per i soldi, lo fa perché si trova in cattive condizioni economiche (a questo punto il commento è “si ma il corpo e suo” ok, ma la povertà non l’ha scelta lei e sei te che gli offri un pacco di soldi in cambio di un tuo egoismo, sei te che sfrutti la povertà). Ecco allora che viene mostrato il lato più orrendo di questa pratica dove di amore ne vedo poco nel processo, se non quello che sicuramente i genitori (acquirenti) dopo daranno al bimbo, questo lato è il commercio umano.

Va bene tutto nella vita ma bisogna saper mettere freno al capitalismo, quando vedi che si paga per una vita umana significa che il capitalismo ha vinto su tutto. Dobbiamo dare un prezzo a tutto? Anche ai bambini?  Non vedo NULLA di moderno e civile in questo. Non ho ideali di sinistra o di destra, no non è politico lo scopo, non mi passa assolutamente per la testa di limitare i diritti di un’altra persona, non è questo il punto del discorso, qui si critica e lo ripeto, solo il metodo. Invece di evolverci scientificamente su questa strada basterebbe evolverci burocraticamente sulle adozioni, ma forse il mondo è troppo egoista per muoversi in questa direzione.

La mia parte intollerante

Sharing is caring!

I commenti sono chiusi.