​Spugne da cucina come le feci e lavarle non serve

Sharing is caring!

Più che pulire, le spugnette da cucina sporcano le stoviglie e le superfici con cui entrano in contatto. E lo fanno diffondendo i miliardi di batteri di cui pullulano, complici anche i fattori favorevoli al proliferare dei micro organismi: caldo, umidità e materiale organico.
Questo è quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell’università tedesca di Furtwangen. Secondo le analisi, peggio delle spugne da cucina – in quanto a batteri – ci sarebbero solo le feci.

Miliardi di batteri

«Abbiamo rilevato la stessa densità di batteri che si registra nelle feci umane – ha detto il professor Markus Egert, autore dello studio. Non c’è altro posto al mondo che sia tanto sporco e contaminato».
A leggere i numeri, ci sarebbe da gettare immediatamente le spugnette: un centimetro cubo ospita ben 82 miliardi di batteri, appartenenti a 362 specie differenti. Tra questi c’è anche Moraxella osloensis, il batterio responsabile dell’odore sgradevole e che – nelle le persone immunodepresse – potrebbe causare infezioni.

Anche lavarle non serve ​

La soluzione, dunque, è lavare le spugne in lavatrice, oppure metterle nel microonde per uccidere i batteri? No, secondo i ricercatori. Perché questo servirebbe ad eliminare solo i batteri più deboli, ma non attaccherebbe quelli più pericolosi e più aggressivi.
«La conclusione è che solo cambiare settimanalmente le spugnette riesce ad evitare la contaminazione di alimenti e superfici – ha concluso il ricercatore -. In alternativa, si può utilizzare la spugna della cucina per pulire ambienti meno sensibili dal punto di vista dei batteri come, ad esempio, il bagno».

Fonte rivistanatura.com 

Sharing is caring!

Precedente Crollano le assunzioni a tempo indeterminato: il disastro del jobs act Successivo L’EURO E’ LA MONETA UNICA TEDESCA: SENZA L’EURO LO STATO ITALIANO RISPAMIERA’ 8 MILIARDI L’ANNO (CENTRO STUDI MEDIOBANCA)